Facebook
Google+
Twitter
LinkedIn

New Poetry, Fiction, Essays

Poems by Guido Cupani and Erri De Luca , translated from the Italian by Patrick Williamson, and Guido Cupani’s translations of works by Patrick Williamson

Circle Logo

I am Patrick Williamson, a British poet and translator, who lives in France. I also work with music and filmpoems (Afterwords, set to music by Mauro Coceano). My work is increasingly focused on Italy, where I have published two collections Beneficato(English-Italian, Samuele Editore, Pordenone, 2015), and Nel Santuario (Samuele Editore, 2013; Menzione Speciale della Giuria in the XV Concorso Guido Gozzano in 2014). Editor and translator of The Parley Tree, An Anthology of Poets from French-speaking Africa and the Arab World (Arc Publications, 2012). Recent and ongoing translations of poetry by Italian writers Guido Cupani and Erri de Luca.

 

 

Poems by Guido Cupani translated by Patrick Williamson

 

 

In paradiso arriveremo scalzi

 

passeremo il confine nella notte
verremo sbalzati dal treno in corsa

pagheremo sangue
per un posto su uno scafo di latta

Approderemo sfatti per il viaggio
ci getteranno una coperta sulle spalle

Ci chiederanno i documenti
da dove veniamo, dove vogliamo andare

e non sapremo dire, udremo voci
intravedremo visi stranieri

aldilà di una porta a vetri
di chi una volta era fuori dalla porta

e scuoterà per noi la testa, le carte
non sono in regola

sarebbe bastato un sì a suo tempo
il caso non è più di nostra competenza

E ci impacchetteranno,
destineranno, recapiteranno

oppure passeremo per misericordia
fra le maglie della nostra stessa rete

troveremo un angolo di marciapiede
dove nessuno ci veda clandestini

attenderemo lì
che l’eternità abbia fine

 

 

 

We will arrive in paradise barefoot

 

we will cross the border at night
we will be thrown out of the moving train

we will pay blood
to cram on a makeshift boat

We will arrive haggard from the trip
they will throw a blanket over our shoulders

They will ask us for documents
where we come from, where we want to go

and we won’t know how to say, we will hear voices
catch sight of foreign faces

beyond a glass door
of those once out the door

and they will shake their heads at us, the ID
is not in order

a simple yes is all that was needed
the case is not within our competence

And we will be packaged,
we will be addressed, delivered

or we will get through out of mercy
through the links of our own network

we will find a corner of the sidewalk
where no one sees you as clandestine

we will wait there
for eternity to end

 

 

Fotografia di Alan Kurdi, bambino

 

i

Vieni, hai la scarpa slacciata, infilati il maglione, farà freddo,

che cos’hai in tasca, dove l’hai raccolto, svuota, via, come ti senti,

guardami negli occhi, la mamma ti vuol bene, Galip, vieni anche tu,

la mamma vi vuol bene, papà è fiero di voi, solo un’ora di mare, di là
conosceremo altri bambini, domani dormiremo

in un letto nuovo, l’Europa, il Canada, letti più grandi,

ma certo, un sorso d’acqua, bevi, attento a non bagnarti, sei già tutto sporco di
sabbia, laviamo le manine,

così, perfetto, ora saliamo

 

 

Photograph of Alan Kurdi, child

 

I

 

Come on, your laces are undone, tuck your sweater in, it will be cold,

what’s in your pocket, where did you pick it up, chuck it, go, how do you feel

look into my eyes, Mum loves you, Galip, you come here too,

Mum loves you, Dad is proud of you, just one hour of sea, and then you will
meet other children, tomorrow we will sleep

in a new bed, Europe, Canada, bigger beds,

of course, a sip of water, drink, be careful not to get wet, you’re all covered with
sand, we’ll wash our hands,

that’s it, perfect, let’s go

 

ii

 

È permessa l’immagine.

È permesso vedere l’immagine. È permesso non vedere l’immagine. Dire di non
aver visto. Di non aver potuto. Di non aver dovuto.

È permesso pubblicare l’immagine. È permesso oscurare l’immagine.
Condividere. Dire mi piace. Dire non mi piace.

È permesso parlare di inquadrature. Di discrezione e riserbo. È permesso
parlare di immagini.

È permesso rivedere l’immagine a mente. In altri vestitini così gettati. Nella riva
più fortunata di un copriletto.

È permesso, davanti all’immagine, dire sì, ma. Rimanere coi piedi piantati nella
sabbia. Non muovere un passo. Affondare.

È permesso dimenticare l’immagine. Chiudere gli occhi. Negare. Mentre ancora

quello che nell’immagine accade

(è accaduto, accadrà)

è permesso

 

II

 

The picture is permitted.

It is permitted to see the picture. Permitted not to see the picture. To say that
you had not seen. That you could not. That you did not have to.

It is permitted to publish the picture. Permitted to blur the picture. To share. To
say I like. To say I do not like.

It is permitted to talk of shots. Of discretion and confidentiality. It is permitted
to talk of pictures.

It is permitted to see the picture again in your mind. In similarly-laid out
clothes. On a bedspread that is a shore of better fortune.

It is permitted, in front of the picture, to say yes, but. Have both feet planted in
the sand. Not move a step. Sink.

It is permitted to forget the image. To close your eyes. Deny. While still

what happens in the picture

(has happened, will happen)

is permitted

iii

 

Lo stato di salute o malattia della cosiddetta fede non è tale per cui

un padre costretto a portare a casa in braccio i tre quarti di quella che era la sua
famiglia

un padre precedentemente costretto a portare via da casa per mano la stessa
famiglia (moglie e due figli

di cui resta una foto scattata sulla poltrona dei giochi al centro esatto di un
doppio largo sorriso

nonostante la bufera (in abiti non dissimili da quelli che avrebbero presto
restituito)

contro l’onda montante della storia) all’ultima spiaggia

(egli stesso accusato di aver rovesciato la barca per)

un padre che ancora prega mentre seppellisce sé stesso assieme a

dicevo, lo stato di conservazione di questa inaspettatamente tenace

fede che intanto a Kobanî è sull’orlo di inghiottire sé stessa una volta per tutte

dicevo, non è tale per cui

requiem aeternam dona eis

dicevo

non lo so cosa stavo dicendo

 

III

The state of health or disease of the so-called faith is not such that

a father forced to carry home three-quarters of what was his family

a father previously forced to take from home the same family by hand (wife
and two sons

of whom a picture remains taken on the games chair at the exact center of a
double-smile

despite the storm raised (in clothes not unlike those soon to be returned)

against the rising tide of history) towards the final shore

(himself accused of having overturned the boat)

a father who still prays while burying himself along with

I said, the state of preservation of this unexpectedly strong

faith the meanwhile in Kobanî is on the verge of swallowing itself once and for
all

I said, it is not such that

requiem aeternam dona eis

I said

I do not know what I was saying

 

 

 


Poem by Erri De Luca translated by Patrick Williamson

 

 

Our sea which art not in heaven
and embrace the borders of the island and the world
blessed be your salt
blessed be your seabed
welcome the crowded boats
without a route over your waves
the fishermen gone out at night
their nets amid your creatures
that come back in the morning
with their catch of castaways saved

 

Our sea which art not in heaven,
at dawn the colour of wheat
at sunset like ripening grape,
We have sown you with drowned bodies
more than in any time of tempest
you are more righteous than the land
even when you raise waves as walls
then flatten them as carpet
Keep the lives, the callers fallen
like leaves on the path
Be an autumn for them
a hug, a caress, a kiss on the brow
of father and mother before leaving

 

 

 

Mare nostro che non sei nei cieli
e abbracci i confini dell’isola e del mondo
sia benedetto il tuo sale
sia benedetto il tuo fondale
accogli le gremite imbarcazioni
senza una strada sopra le tue onde
i pescatori usciti nella notte
le loro reti tra le tue creature
che tornano al mattino
con la pesca dei naufraghi salvati

 

Mare nostro che non sei nei cieli
all’alba sei colore del frumento
al tramonto dell’uva di vendemmia,
Ti abbiamo seminato di annegati
più di qualunque età delle tempeste
tu sei più giusto della terra ferma
pure quando sollevi onde a muraglia
poi le abbassi a tappeto
Custodisci le vite, le visite cadute
come foglie sul viale
Fai da autunno per loro
da carezza, da abbraccio, da bacio in fronte
di padre e madre prima di partire

 

 

 


Poems by Patrick Williamson, translated by Guido Cupani

 

Crossings

 

The swell of lift & descent
in the dark a howling wet wind
here we go, half way up, then
pitch again, toss & plunge,
hold on, for life is not drowning.

*         *

Softly, like a whisper, the surf
releases, o my god,
its tongue reaches, eyes wide open,
its next breath draws in
harsh & rasping, the rush of silence
the sated wind sweeps up, love
clutching fingers break free
sliding back, tugged by undertow.

*

I was a child too, imagined
shadowy creatures reach up
& strip away the covers –
the cold, we are joined
myself, black-blue sea,
swept away, swirling rafts
skating over the fathoms.

 

Incroci



L’altalena di ascesa & discesa
vento umido ululante nel buio
andiamo, su di un poco, giù
di nuovo, scossa & spinta,
tienti forte, vita è non affogare

*         *

Lieve, in un sussurro, la schiuma
rilascia, mio dio, ci sfiora
la sua lingua, occhi sbarrati,
il respiro seguente ci ripiglia
rauco e violento, l’immediato silenzio
che il vento spazza, sazio, amore
stretto fra le dita che si aprono
riscivolando, ci tira la risacca

*
Ero un bambino anch’io, mi figuravo
creature d’ombra risalire
& strappare le coperte –
il freddo, siamo uniti
io, il mare azzurro-nero
spazzato via, zattere vorticanti
pattinano su metri d’acqua


Night of the rafts

 

The living earth,
the continents swirling at night

long drifts of vapours
livid trails, a lamentable murmur

lips praying, cursing
the folly, regret and hope
exhaled by the anxious

dwindles until the next
mysterious passing
accentuates the silence

solitary passengers
rivulets of sweat
seeping into distressed

forms triggered
swept away by a switch
intensity, illumination

brace yourself
hurtle
through water
to light.

 

 

La notte delle zattere

 

La terra viva,
vorticano i continenti nella notte

lunghe scie di vapore
tracce livide, lamento sussurrato

labbra in preghiera, maledicono
l’idiozia, rimpianto e speranza
che il tormentato esala

s’attenua fino al prossimo
passare misterioso
accentua il silenzio

passeggeri solitari
rivoli di sudore
imbevono le prostrate

forme innescate
spazzate via in uno scatto
d’interruttore, intensità, illuminazione

 tenetevi forte
affrettatevi
dall’acqua
alla luce

 

 


 

No turning back

 

You warned me life is a ship of loved
ones drifting voices becoming
distant on the expanse of salt-sea,

let me stride across the earth, stand
before the barrier, savouring
days to stretch forth out of misery,

but the crowded vessel tips, in deep
water again, as we write of shipwreck,
broken words that come back to the shore,

 make the hours wait, hold them that
little bit longer, these precious lives

 as the dark hour strikes, this life-surge
silently heaving against air that
shudders, this pounding that will stop.

 

 

Sempre avanti

 

Me l’avevi detto che la vita è barca affollata
di affetti voci alla deriva che si fanno
lontane sopra il campo di onde amare,

lasciami scavalcare il mondo, giungere
davanti alla barriera, assaporare
giorni da estendere al di fuori della pena,

ma lo scafo affollato si rovescia, di nuovo
nell’acqua fonda, mentre scriviamo di naufragio,
parole mozze che ritornano alla riva,

fa’ aspettare le ore, trattienile quel poco
ancora, queste preziose vite

mentre suona l’ora oscura, questo palpito
silente a cavalcare un’onda d’aria che
si scuote, questo battito che presto finirà.

 

 


Safe passage

 

A piece of wood salvaged by the storm lurches past
on curled tips that chase their tails — you
the safety of a straw, the metronome beating
as the boats rock in counter yaw — curves
carried like your heart pulses under skin,
steady breath lifting your chest — rushing past
commanding those who swim to take to the ship, boards
and flotsam will carry the rest — lifting me
with your scent, your presence, that presence
I am so close to, that body I wish — to touch.

 

 

Passaggio sicuro

 

Un pezzo di legno messo in salvo dalla bufera ci
sopravanza
su punte arricciolate che si cercano la coda — tu
la sicurezza di una cannuccia, il metronomo che batte
mentre la barca oscilla contro l’imbardata — curve
condotte sotto pelle come il battito del cuore,
il petto sollevato in un respiro regolare — ti affretti oltre
comandi a quelli a nuoto di salire sulla barca, tavole
e brandelli porteranno gli altri — mi sollevi
col tuo profumo, con la tua presenza, la presenza
che mi è così vicina, quel corpo che vorrei — toccare.

 

 


 

Under the sun, our shadows

 

Believe me, that outcrop is hollow
the water waves of light
the arch leads to open sea, why

 

does the mind not learn its lessons
when we go astray in the dark
looking for that glimpse of clarity

 

shrouds that sway in street shades
washing on the line a summer night

 

that disembodied window of a house
merely a facade framed by trees

 

the rock on the point of shattering
the core is stone and this a shimmer

 

what I do is not how I feel
what I think is not what I say

 

mere shadows under the sun blinding
all these truths I try so hard
to see, but just deceive, constantly.

 

 

Sotto il sole, le nostre ombre

 

Fidati, quella roccia che affiora è cava
l’acqua è un’onde di luce
l’arco porta al mare aperto, perché

 

la mente non impara la lezione
quando divaghiamo nelle tenebre
cercando quel barlume di chiarezza

 

sudari sventolanti nelle ombre sulla strada
bucato sul filo una notte d’estate

 

quella finestra senza corpo di una casa
mera facciata contornata d’alberi

 

la roccia sul punto di sbriciolarsi
il nucleo è roccia e ciò un bagliore

 

quello che faccio non è ciò che sento
quello che penso non è ciò che dico

 

semplici ombre nel sole accecante
tutte le verità che cerco a tutti i costi
di vedere, e mistifico soltanto, senza posa.

 

 


 

All roads lead here

 

We ride past rows of cypresses,
motes in the sunlight, climb
these tendrilled steps to clusters
of clock-towers with roof skirts,
lay out our spices, let us barter
we are offshoots of a vine
rays of sun scattered in the hills,
our banter livens the twilight
we are on the road to somewhere
as mountains curve the script
of each valley, route to the hubbub,
we are the hub, the radius, the halt
we are all roads but only the one

 

 

Tutte le strade portano qui

 

Passiamo in corsa oltre file di cipressi,
polvere nel sole, ci arrampichiamo
come su liane a grappoli
di campanili con tetti come gonne
esponiamo le spezie, barattiamo
siamo tralci di vite
raggi di sole sulle colline,
i nostri scherzi avvivano il crepuscolo
siamo diretti in qualche luogo
mentre i monti piegano la grafia
di ogni valle, rotta verso il brusio,
siamo il perno, il raggio, il freno
siamo tutti strade ma solo un’unica

 

 

 

 

You might also like

Share this post with your friends

You may also enjoy
Samantha Maw is studying a Creative Writing MA at Lincoln…